Categorie

Articoli recenti

Andar per mercatini: la Valle d’Itria vintage

mercatino-vintage-valle-d'itria

Un piccolo segno di usura.

Una patina color avorio che conferisce rarità, valore, individualità.

Mai come in questi ultimi anni si è assistito a quel fenomeno, non del tutto razionale, per cui un vestito, un paio di scarpe o un mobile assumono valore se ricoperti da quel velo di antico, di usato. Forse perché in questo momento storico – segnato da incertezze e vulnerabilità – siamo alla ricerca di qualcosa che non sia solo una merce da usare qui e ora ma con cui poter creare una connessione emotiva. Che poi è lo stesso motivo che spinge le persone ad ascoltare, nell’era digitale, i dischi in vinile: chi ha avuto la fortuna di ascoltare il fruscio della puntina su un piatto sa bene l’emozione che si prova, un’emozione strettamente legata alla dimensione del “ricordo”. 

 

mercatino-vintage-valle-d'itria-2

 

Questo profumo di passato si respira anche in Valle d’Itria, che di storia – tra ulivi ultracentenari, trulli e masserie fortificate – ne ha da raccontare; la stessa che attraversa anche alcuni mercatini dell’antiquariato che qua, e precisamente nella città di Martina Franca, attirano una domenica al mese (precisamente la terza) collezionisti e curiosi in cerca di cimeli d’epoca, ma anche cittadini che ne hanno fatto un hobby domenicale o uno stile di vita.  

Tra le bancarelle – che invadono un intero quartiere della città – si possono trovare oggetti vintage e d’antiquariato, ma anche ceramiche e pezzi di artigianato locale: si può rovistare, senza fretta, alla ricerca di un pezzo unico di arredamento, antichi pizzi, libri preziosi, enormi chiavi di ferro e vinili. E se le fashion addict rischiano di tornare a mani vuote (mancano capi di abbligliamento e accessori), questo non si può dire per gli amanti degli arredi d’interni: vecchie damigiane, contenitori in creta, oggetti in ferro battuto, piani di lavoro di falegnami o antichi scaffali da erboristi non aspettano altro che essere riportati a nuova vita. 

Il consiglio è quello di recarsi al mercatino entro le 9 del mattino: è nella prima mattinata che si hanno più chance per fare l’affare giusto.

E per chi volesse replicare, il Mercatino dell’Antiquariato della Valle d’Itria si sposta ogni prima domenica del mese anche a Cisternino; d’estate, invece, lo trovate in pianta stabile – sempre a Martina Franca – per l’intero mese di agosto.

 

 

Lascia un commento