Categorie

Articoli recenti

Da Pitti a Parigi le ultime tendenze uomo

Paris Fashion Week uomo autunno inverno 2021/2022

La Paris Fashion Week uomo autunno inverno 2021/2022

Dal 19 al 24 gennaio si è tenuta la settimana della moda uomo di Parigi. Così come successo per la versione estiva, anche questa volta si è dovuto ripiegare sul formato solo digitale per seguire le istruzioni del governo di fronte alla pandemia di Covid-19.

Nonostante questo, Parigi riesce sempre a confermare il suo titolo di capitale della moda. Ben 68 case hanno presentato la loro collezione autunno/inverno 2021-22 tramite la piattaforma dedicata, accessibile al pubblico pur mantenendo spazi riservati ai professionisti.

Sono tre le parole chiave per interpretare le sfilate:

  • Sostenibilità
  • Fluidità di genere
  • Talenti emergenti

Giovani talenti da scoprire

Accanto ai marchi affermati una nuova generazione di designer si unisce per la prima volta al calendario ufficiale.

Sono spesso etichette giovani, a volte sconosciute al pubblico e in cerca di riconoscimenti.

Sostenibilità: come ripensare il proprio approccio alla moda

Di fronte alla crisi sanitaria, i marchi hanno dimostrato la loro qualità di adattamento. Così i brand hanno intrapreso la strada verso nuove formulazioni. Hanno, di fatto, dato il via ad una lunga riflessione sulla pratica delle 4 sfilate annuali: è davvero necessario oggi seguire questo ritmo estremo?

Oltre alla scelta dei materiali, ecosostenibili, sta prendendo piede una rimodulazione dell’intero sistema moda, contraddistinto da sempre da ritmi eccessivi ed estremismi consumistici che poco si adattano al mondo pandemico e post pandemico.

Come può la fluidità di genere essere un elemento di sostenibilità?

Dalla riflessione dei brand, affermati e/o emergenti, sull’importanza di rendere la moda più sostenibile sono sempre di più le linee di moda unisex.

La moda crea ed insieme ascolta il futuro. Un esempio ci viene proposto dal brand Y/Project, che ha deciso di fondere le sue collezioni maschile e femminile in un’unica linea “più sostenibile”: la collezione autunno-inverno 2021-22 è la prima unificata. Y/Project ora presenta le sue collezioni solo durante la settimana della moda maschile.

Nel giugno 2020, il marchio ha lanciato Evergreen, una collezione permanente di pezzi chiave continuativi. Un modo di sperimentarsi ed esprimersi senza barriere ed in chiave sostenibile.

Cosa aspettarci dal Pitti Uomo 2021/2022?

Dal 12 febbraio 2021 fino a marzo avrà luogo, in formato ibrido, l’appuntamento con la moda maschile: Pitti Uomo 99!

Come per la settimana della moda di Parigi, anche il Pitti ha adottato una piattaforma esclusiva che dal 12 ci proporrà un calendario fitto di appuntamenti, fruibili comodamente da casa, con gli espositori protagonisti di questa edizione.

Un nuovo modo di approcciarsi alle sfilate, con sezioni esclusive, inserti di interviste con i più affermati stilisti, percorsi guidati tra le varie collezioni e molto altro.

Mentre dal 21 al 23 febbraio si terrà l’evento fisico.

Ultime tendenze uomo

Le nuove collezioni sono nutrite da culture e sottoculture urbane, sembrano un invito a viaggiare tra i quartieri popolari delle metropoli, un insieme di elementi essenziali maschili con influenze militari e utilitaristici.

I 5 capi di tendenza

  • il cappotto a righe, doppio petto in lana
  • Il parka dai colori accesi
  • I pantaloni retrò
  • I jeans modello anni 90
  • Il dolcevita dai colori accessi

Evento esclusivo al Pitti Uomo 99

L’inaugurazione del salone della moda nel formato online è stata segnata da un evento speciale.

L’evento di apertura, infatti, è stato affidato ad uno dei marchi di riferimento del Pitti Uomo: Brunello Cucinelli.

Azienda riconosciuta a livello internazionale, il cui fondatore occupa il trentatreesimo posto, secondo Forbes, dei più ricchi d’Italia.

L’evento è stato trasmesso in streaming online da Solomeo, sede del brand, sulla piattaforma dedicata, ovvero Pitti Connect, ed ha funto anche da preview della collezione che sarà presentata con una sfilata durante la versione fisica di febbraio.

Lascia un commento