Categorie

Articoli recenti

  • Home
  • /
  • Latest News
  • /
  • Generation Paisley: la mostra che celebra 50 anni di storia di Etro

Generation Paisley: la mostra che celebra 50 anni di storia di Etro

etro capsule 50

 

I pennelli delle disegnatrici come compagnia. E i grandi cesti carichi di tessuti…

La immaginiamo un po’ così l’infanzia dei fratelli Etro, la maison sinonimo di moda colta. Fucina milanese dell’orientalismo, trait d’union tra i rigori mitteleuropei, l’arte delle stoffe comasche e l’euforia etnica del centro Asia e dell’India. Il disegno paisley, intarsio ricorrente nelle scelte iconografiche della maison, simbolo mesopotamico della palma albero della vita, cancella le distanze tra Milano e Oriente e porta intensità e colore anche nelle più grigie delle metropoli.

Non a caso la famiglia Etro, che ha curato personalmente la mostra Generation Paisley che celebra i 50 anni di storia della maison – e che aprirà le porte il 23 settembre 2018, durante la settimana della moda di Milano – ha scelto come location il luogo in cui le arti incontrano le identità: il Mudec, il Museo delle culture di Milano.

Una mostra nata per raccontare, quasi come fosse un viaggio – elemento fondante dell’estetica Etro – il percorso evolutivo della creatività di una delle più importanti famiglie della moda italiana: un po’ come faceva Gimo Etro che trasformava ogni viaggio in un’occasione di ricerca di tessuti, di idee, tra i mercati e gli antiquari.

Generation Paisley sarà a ingresso libero e visitabile fino al 14 ottobre 2018: per l’occasione Kean e Veronica Etro presenteranno la Capsule Collection Etro 50 che mixa il motivo paisley con la scritta “Faithful to Love and Beauty” ossia “Fedele all’amore e alla bellezza” reso in una grafica psichedelica con forme geometriche e ironici personaggi cartoon. Un motivo, ironico e irriverente, in pieno stile Etro che tingerà T-shirt, felpe, maglie e accessori come foulard in seta e cashmere, slip-on in pelle ricamata, uno zaino e un portafoglio, tutti capi che sintetizzano lo spirito culturale della fine degli anni Sessanta con un design contemporaneo e street.

Lascia un commento