Categorie

Articoli recenti

  • Home
  • /
  • Focus & Trends
  • /
  • Possono le calze smarcarsi dall’omologazione per diventare segno distintivo? Gallo ci insegna come…

Possono le calze smarcarsi dall’omologazione per diventare segno distintivo? Gallo ci insegna come…

calza gallo uomo

Osservando una calza da uomo s’inizia a capire il significato del termine savoir-faire

Una calza – ancor prima di assumere l’identità di un accessorio nell’insieme di un look estetico – è solo un oggetto da indossare, nascosto tra le pieghe dei pantaloni, con la funzione di proteggere e scaldare i piedi. E il più delle volte fa anche una brutta fine: spaiata, lisa, destinata a subire più maltrattamenti che attenzioni. Per questo, nella maggior parte dei casi, non si pone la giusta attenzione nella scelta di una calza. Certo, c’è il senso del benessere tattile, del bello trasmesso dalle trame e dai colori e da qualche dettaglio che non sfugge soprattutto agli occhi dei più raffinati.

Ma è difficile credere, e pure è così, che per realizzare un paio di calze Gallo,servano una serie infinita di passaggi, dalla scelta dai filati del cotone più pregiato in assoluto, quello egiziano al passaggio in roccatrice – che elimina tutti i difetti di regolarità della filatura – sino ad arrivare al controllo della titolatura dei filati, che determina la precisione delle taglie e la perfezione delle calze. In ogni calza creata da Gallo c’è tutta la paziente dedizione degli artigiani del made in Italy al servizio del lusso, trasformando così un indumento basic in un accessorio sartoriale, innalzato a status symbol. Reinventandosi costantemente, Gallo ha così lanciato un nuovo modo di indossare la calza, contrapponendo a tinte unite fantasie cromatiche, a righe multicolor – orizzontali e verticali – trame ton sur ton.

Resta solo da sciogliere un quesito talmente astioso da scoraggiare anche i più intraprendenti: come abbinare le calze?

Ecco allora una breve guida per orientarvi nel variegato mondo delle calze. 

 

calze uomo gallo

 
La regola generale

 

Tre variabili per esplicitare tre regole fondamentali.

  • Colore: più le calze sono scure più si adattano a situazioni formali
  • Spessore: più le calzi sono sottili e più sono eleganti
  • Texture: più sono lisce e più sono formali

 

Per chi è a caccia di consigli pratici

Abbinare il colore della calza a quello dei pantaloni: sicuramente il modo meno rischioso e più classico di indossare una calza. Scegliete una tonalità cromatica (di poco più scura o di poco più chiara) simile a quella dei pantaloni o, al massimo, delle scarpe: pantaloni grigi richiedono calze grigie, pantaloni blu richiedono calze blu e così via.

 

Abito Z Zegna

Abito Z Zegna

Calze Gallo

Calze Gallo

Abito Tagliatore

Abito Tagliatore

Calze Gallo

Calze Gallo

 

 

Per le personalità eclettiche: le calze monocromatiche

 

Bordeaux, rosso o verde. Come abbinare la calze colorate? Sicuramente il rosso e il bordeaux si abbinano perfettamente con i jeans o con le scarpe color cuoio; quelle verdi ai completi kaki o ai pantaloni beige e quelle grigio chiaro a denim chiari o bianchi e a stringate sportive.

 

Jeans Cucinelli

Jeans Cucinelli

Calze Gallo

Calze Gallo

Pantaloni Berwich

Pantaloni Berwich

Calze Gallo

Calze Gallo

 

Per le personalità eccentriche: le calze con motivi

 

Se invece vi piace sfoggiare calze super colored, consigliamo di scegliere il pantalone il più minimal possibile. Così come la calzatura. Infatti, un bel mocassino stringato di pelle è sempre la scelta migliore quando si sfoggiano, insieme, colori forti. E senza dubbio, vi darà quel tocco di eleganza raffinata. Tocco dandy: abbinare le calze al colore della cravatta o della camicia. 

 

Pantaloni Fay

Pantaloni Fay

Calze Gallo

Calze Gallo

Pantaloni Jeckerson

Pantaloni Jeckerson

Calze Gallo

Calze Gallo

 

E se fossero i pantaloni a fantasia?

 

Se scegliete, per il pantalone, la fantasia pied de poule, Principe di Galles o tartan, sono necessarie delle calze in tinta unita, scure, principalmente di colore nero.

 

Lascia un commento